RELAZIONE CLIMA ACUSTICO

Vai ai contenuti
Valutazione Clima Acustico

CERTIFICAZIONE DI CLIMA ACUSTICO PREVISIONALE

 
Valutazione Clima Acustico PrevisionaleCertificazione Di Clima Acustico Previsionale? La relazione previsionale di clima acustico deve essere prevista in base all’articolo 8 della legge quadro sull’inquinamento acustico n.447/95, la relazione ha come fine ultimo quello di inquadrare la zona da punto di vista acustico ,tramite parametri che analizzano la situazione del livello sonoro di una specifica zona; ad essa poi vengono abbinate una serie di verifiche tecniche necessarie pre e post-opera.

La certificazione di clima acustico per normativa è obbligatoria per tutti coloro che realizzano opere di nuova costruzione in aree potenzialmente inquinate acusticamente o che siano collocate nei pressi di sorgenti rumorose.

Essa è mirata soprattutto alla classificazione della zona oggetto dell’indagine, valutando che essa non sia acusticamente inquinata o potenzialmente rumorosa.

Le modalità e i criteri per redigere tale relazione tecnica di valutazione previsionale di clima acustico sono sanciti da delibere comunali.
In ogni caso la certificazione previsionale del clima acustico deve essere redatta e firmata da un Tecnico Competente in Acustica abilitato e riconosciuto da una Regione Italiana. (articolo 2, comma 6, della Legge 26/10/1995 n. 447).

1. Quando serve uno studio previsionale di impatto acustico?

E' fatto obbligo di produrre una certificazione previsionale del clima acustico delle aree interessate alla realizzazione delle seguenti tipologie di insediamenti:
 
  • scuole e asili nido;
  • ospedali;
  • case di cura e di riposo;
  • parchi pubblici urbani ed extraurbani;
  • nuovi complessi residenziali nei pressi delle suddette opere (di cui al comma 2)

Deve essere redatta in maniera tale da poter desumere previsioni sull’effetto del suono o rumore prodotto da un’attività o infrastruttura sul territorio circostante la zona di nostro interesse.
.
La certificazione previsionale oltre ad evidenziare le previsioni deve prevedere le modalità per il contenimento del livello di rumore entro i valori ammessi dalla legge se si prevede che l’impatto acustico superi le soglie imposte dalla normativa.

2. Scopo della certificazione di valutazione previsionale di clima acustico?

Lo scopo finale della redazione della valutazione previsionale è valutare l’idoneità di un’area a poter ospitare la realizzazione di certe tipologie di insediamenti .
Inoltre è importante che essa evidenzi le condizioni acustiche dell’area interessata e espliciti l’esposizione al rumore del progetto stesso.

3. Contenuti della relazione di valutazione previsionale di clima acustico

La relazione al livello contenutistico deve prevedere al livello generico: descrizione generale del titolare della pratica, descrizione dell’area oggetto di analisi (cartografia in scala, individuazione sorgenti di rumore, caratteristiche geomorfologiche dell’area, destinazione d’uso del territorio, infine la classificazione acustica dell’area secondo la normativa (Legge 26/10/1995 n. 447).

In allegato generalmente troviamo anche la descrizione dell’insediamento (planimetrie di progetto, requisiti acustici passivi degli edifici).

Si specifica che nel caso in cui l’opera non dovesse rispondere ai requisiti normativi, non compatibili con la destinazione d’uso a cui è destinata, allora vi sarà la necessità di prevedere le misure atte a prevedere l’allineamento del progetto alla qualità acustica prevista da normativa.

4. Chi redige la relazione di valutazione previsionale di clima acustico?

La documentazione tecnica in oggetto deve essere redatta da un professionista competente in acustica ambientale, il quale dopo aver effettuato le dovute rilevazioni fonometriche e tecniche (pre o post opera) provvede alla stesura della relazione che andrà allegata alla documentazione di cui si è titolari.

Come abbiamo detto la relazione di valutazione previsionale di clima acustico tiene conto di alcuni parametri acustici tramite i quali possiamo classificare il progetto o l’area in oggetto ma quando si parla di requisiti acustici degli edifici vanno fatte alcune puntualizzazioni.
5. Certificazione Di Clima Acustico Previsionale: Cosa sono i requisiti acustici passivi degli edifici?
Quando parliamo di requisiti acustici passivi negli edifici facciamo riferimento al principale Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri che norma l'acustica in edilizia, e in dettaglio l'isolamento acustico, nel nostro paese: il DPCM del 5 dicembre 1997, legge quadro sul rumore numero 447 del 1995.

Con questo decreto vengono definiti i valori di isolamento acustico minimo da impiegare nelle costruzioni e abitazioni Italiane.

Esso fa specifico riferimento ai materiali e agli indici delle partizioni fra abitazioni distinte, al rivestimento della facciata della costruzione (isolamento dall'esterno verso l'interno) e al livello di disturbo arrecato dagli impianti o dai locali accessori (p.e. ascensori, rumore delle tubazioni, etc.).

I valori sono riferiti alle destinazioni d’uso del progetto in oggetto.
L’applicazione di questi valori permette di poter garantire privacy e un discreto silenzio nella maggior parte delle situazioni insediative acusticamente inquinanti.

Si ricorda che le opere acusticamente inquinanti sono: aeroporti, autostrade, strade extraurbane principali e secondarie, di scorrimento, strade urbane di quartiere, discoteche, circoli privati e pubblici esercizi ove sono presenti macchinari o impianti rumorosi, impianti sportivi e ricreativi, ferrovie e tutte quelle strutture che per uso o natura sono produttrici di inquinamento acustico (rumore).
6. Certificazione Di Clima Acustico Previsionale: Tre facce della stessa medaglia
Spesso si fa un po’ di confusione tra le differenti implicazioni della Legge quadro sull’inquinamento acustico L. 447/95.

Clima acustico, impatto acustico e requisiti acustici passivi, sono tutti disciplinati dalla Legge quadro sull’inquinamento acustico L. 447/95 ma sono tre macro-ambiti molto diversi tra loro con ambiti e documentazioni differenti.

Tutti però hanno implicazioni nella classificazione acustica degli edifici, la normativa divide gli edifici in 4 classi di prestazione di isolamento acustico in base ad alcuni parametri come materiali isolanti adoperati o altri elementi strettamente legati alla sezione isolamento-acustico degli edifici.

Tags: certificazione clima acustico previsionale, relazione clima acustico previsionale, valutazione clima acustico previsionale, documento clima acustico previsionale, studio clima acustico previsionale
PREVENTIVO ISTANTANEO
Tags: autocertificazione clima acustico residenziale, clima acustico quando serve, valutazione previsionale clima acustico residenziale, valutazione previsionale di impatto acustico quando serve, valutazione clima acustico piemonte, clima acustico ferroviario, valutazione impatto acustico scadenza, valutazione previsionale di clima acustico quando serve, clima acustico, valutazione previsionale di clima acustico quando serve, valutazione previsionale di impatto acustico quando serve, clima acustico residenziale, legge 447/95, valutazione clima acustico scadenza, clima acustico ospedale, nuovi insediamenti residenziali, autocertificazione clima acustico residenziale, clima acustico definizione, clima acustico quando serve, valutazione previsionale di impatto acustico quando serve, valutazione previsionale di clima acustico quando serve, valutazione clima acustico piemonte, valutazione impatto acustico scadenza, clima acustico ferroviario, clima acustico normativa, clima acustico torino, autocertificazione clima acustico residenziale, valutazione previsionale di clima acustico quando serve, valutazione previsionale clima acustico residenziale, relazione clima acustico, valutazione clima acustico, studio di clima acustico, certificazione clima acustico, misura fonometrica clima acustico, perizia fonometrica clima acustico, misura in loco clima acustico, clima acustico previsionale, clima acustico ha scadenza, che fa la valutazione clima acustico, dichiarazione clima acustico, tecnico competente in acustica per clima acustico, tecnico per relazione clima acustico, documento di clima acustico, clima acustico chi lo fa, clima acustico certificazione milano, valutazione clima acustico milano, Valutazione Clima Acustico per Cambio d’uso, relazione clima acustico per cambio destinazione d'uso, certificazione clima acustico per cambio destinazione d'uso, studio clima acustico per cambio destinazione d'uso, relazione per cambio destinazione uso, certificazione clima acustico previsionale, relazione clima acustico previsionale, valutazione clima acustico previsionale, documento clima acustico previsionale, studio clima acustico previsionale
Sorgedil Isolamenti Acustici

  • Ufficio: Lombardia - Cabiate - Via Santambrogio N°17, 22060
  • Ufficio: Lazio - Roma - Via Raffaele De Cesare N°107, 00179

P.I. 03208620132
Numero Verde. 800.92.60.16
Web site: www.sorgedil.it

Copyright © Sorgedil Isolamenti Acustici 2019

Sorgedil Isolamenti Acustici
  • Ufficio: Lombardia - Cabiate - Via Santambrogio N°17, 22060
  • Ufficio: Lazio - Roma - Via Raffaele De Cesare N°107, 00179

P.I. 03208620132
Numero Verde. 800.92.60.16
Web site: www.sorgedil.it

Copyright © Sorgedil Isolamenti Acustici 2019

Torna ai contenuti